Claiming a stronger Erasmus for the empowerment of the future generation of Europeans

ESN Italia - Tue, 25/02/2020 - 10:27
Lingua Inglese


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

On 14 February 2020, the President of the European Council Charles Michel unveiled his draft European Council conclusions for the multiannual budget of the EU for 2021-2027. The document addresses, for the first time, the financial outlook envisioned by the Council for the next multiannual financial framework, including the budget for the successor Erasmus+ Programme. In this reaction, ESN and ESU present their view on the initial budgetary proposal put forward by the European Council with regards to the proposed funding for Erasmus+, with a particular focus on the higher education and youth sectors.

ESN and ESU have been contributing to the discussions on the new Erasmus+ Programme in multiple ways. In 2018, ESN’s #ErasmusUpgrade Manifesto was published, consisting of 13 base recommendations for the revised Erasmus+ Programme, which were used as a guide for advocacy on the topic. ESN and ESU took part in the Erasmusх10 campaign, coordinated by the European Youth Forum and the Lifelong Learning Platform and supported by 70 civil society organisations, which called upon the European decision-makers to increase the Erasmus Programme funding tenfold. In 2019, in response to the original proposal by the European Commission, ESN published a reaction paper, where the necessity for more investment in the new Erasmus+ Programme was emphasized. This position has been reiterated in a joint position paper of ESN and ESU.

In its conclusions from the Gothenburg Summit in December 2017, the European Council has called upon Member States and other European Institutions to “make work towards stepping u­­­­p mobility and exchanges, including through a substantially strengthened, inclusive and extended Erasmus+ Programme. The original European Commission proposal included a two-fold increase in funding compared with the current Programme, while the European Parliament has committed to a tri-fold increase – a position which was supported by the new Commission President, Ursula von der Leyen.

The proposal of the President of the Council, in ESN’s and ESU’s view, does not deliver on those commitments by not meeting neither the EP proposal nor the initial proposal of the Commission. The current proposed budget of 21.2 billion EUR is 30% less than the originally Commission proposal of two-fold increase and more than 50% cut from Parliament’s. The proposed increase makes it impossible to raise and widen participation without compromising on the quality of mobility experiences and their outreach, thus going against the promise of “a more inclusive and accessible Erasmus”.

The initial proposal of the European Commission had proposed reaching 12 million people, three times the amount of the current programme, with only a twofold increase of the budget. The future Erasmus programme is more ambitious, with more student mobility to non-EU destinations and support the European University Initiatives to reach 50% mobility goals. The proposal currently negotiated will further undercut those plans, by proposing to do it with even less budgetary support. This idea goes directly against the spirit of the programme and the ambitions of the education institutions and civil society in the time when the need for broad and more inclusive Erasmus+ for a cohesive Europe is greater than ever. Education remains a key driver of social mobility in the world, and thus, not allocating enough budget for key European education programme will only exacerbate the still prevalent issues of youth unemployment (currently at 15 %) and risks of poverty and societal exclusion of youth (estimated at 26.3 %, or 20.6 million young people, in 2018).

The lack of funding in the current proposal will undercut the ambitious policy undertakings stated in previous years, undermining the viability of the European Education Area and of its key initiatives - representatives of European Parliament have already warned that the current amount of funding would make it impossible to finance crucial European education and youth policies such as European Universities, VET Centres of Excellence and DiscoverEU. The international side of the proposed Erasmus+ Programme may also be cut – making proposed expansion of Erasmus+ in the world under threat.

The benefits of Erasmus+ for the young people are widespread and well-documented. Students with Erasmus experience are more mobile, are more eager to contribute to society through volunteering and civic engagement and are more engaged in the electoral processes, including European elections, according to the results of the ESNsurvey 2019. According to Eurobarometer, 90% of young people in Europe consider an experience abroad "very important" and 56% of young people said improving education should be one of the EU priorities. However, significant barriers to mobility remain - the Erasmus Impact Studies, the ESNsurvey 2019 and ESU`s triannual Bologna with Students Eyes Study consistently shows the same results - approximately 70% of respondents named financial conditions as the main reason not to go abroad - and one of the most efficient ways to increase the number of quality mobilities is, among others, to increase funding and thus the number of well-funded mobility experiences. Studies have also shown that participation in Erasmus-funded activities is directly linked to skills development and higher employability after graduation - the risk of unemployment after graduation was half as high for Erasmus alumni.

While the European Commission and the European Parliament both have taken visible positions to ensure the continuing success and broadening of the Erasmus+ Programme, now it is time for the European Council to follow suit. The current version of the MFF proposal has already been rejected by the European Parliament, citing among the reasons deep cuts to the key areas and programmes, including Erasmus, the funding for which, according to the CULT Committee chair, “fails hopelessly below expectations”. The Erasmus Student Network and the European Students’ Union call upon the European Council and Member States not to threaten the progress of Erasmus, by committing to the European Parliament’s proposal to increase the funding for the next Erasmus Programme by three times. In that, ESN and ESU support the position of European Youth Forum and other civil society organisations on this issue. This position is equally applicable for all future budgetary proposals from the Council.

European leaders have highlighted their commitment to the European project and the contribution of the Erasmus+ programme to the construction of a stronger Union. After 33 years changing lives and opening minds, Erasmus has proved to be one of the most effective tools to bring Europeans together. In order to increase the impact and outreach of the programme, the commitments of Member States should match the expectations put in the programme.

-----

Erasmus Student Network (ESN) is the biggest student association in Europe. Present at over 1000 Higher Education Institutions, it unites over 530 local associations in 42 countries. More than 15 000 volunteers take care of over 350 000 international students under the motto “Students helping students”. ESN works for the creation of a more mobile and flexible education environment by supporting and developing the student exchange from different levels, and providing an intercultural experience.

European Students’ Union (ESU) is the umbrella organisation of 46 National Unions of Students (NUS) from 40 countries. It represents the educational, social, economic and cultural interests of more than 20 million students towards all relevant decision making bodies such as the European Union, the Bologna Process, the Council of Europe and UNESCO.

 

For further information and requests kindly reach out to:

Sabina Achim (ESN) | +32 470 47 22 25 | communication@esn.org

Carlos Perez Garcia (ESU) | +43 699 81 33 65 42 | carlos.perez@esu-online.org

 

Spotlight Title: Claiming a stronger Erasmus for the empowerment of the future generation of Europeans
Categories: ESN Italia

Vogliamo un Erasmus più forte affinché si rafforzi anche la futura generazione europea

ESN Italia - Tue, 25/02/2020 - 10:24
Lingua Italiano


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il 14 febbraio 2020, il Presidente del Consiglio Europeo, Charles Michel, ha svelato la bozza conclusiva del Consiglio Europeo riguardante il budget EU 2021-2027. Per la prima volta il documento si dedica alle previsioni finanziarie proposte dal Consiglio per la prossima finestra finanziaria, che include anche il budget per il successore del Programma Erasmus+. In reazione a ciò, ESN ed ESU presentano la loro visione della proposta finanziaria iniziale portata avanti dal Consiglio Europeo in merito ai fondi proposti per Erasmus+, con una particolare attenzione ai settori dell'educazione superiore e giovanile.

ESN ed ESU hanno contribuito alle discussioni sul nuovo Programma Erasmus+ in diversi modi. Nel 2018 è stato pubblicato l'#ErasmusUpgradeManifesto di ESN, un documento che consta di 13 raccomandazioni basilari per un Programma Erasmus+ revisionato, le quali sono state usate come guida a sostegno dell'argomento. ESN ed ESU hanno preso parte alla campagna Erasmusx10, che, coordinata dal Forum Europeo della Gioventù e dalla Lifelong Learning Platform e supportata da 70 organizzazioni di società civili, han fatto appello agli organi decisionali europei affinché i fondi per il Programma Erasmus vengano incrementati di dieci volte. Nel 2019 ESN ha pubblicato un reaction paper per ribattere alla proposta originale della Commissione Europea ed enfatizzare la necessità di maggiori investimenti sul nuovo Programma Erasmus+. Questa posizione è stata reiterata in un position paper di ESN ed ESU. 

Nelle conclusioni del vertice di Göteborg di dicembre 2017, il Consiglio Europeo ha invitato gli Stati membri e le altre istituzioni europee ad "adoperarsi per intensificare la mobilità e gli scambi, anche attraverso un programma Erasmus+ sostanzialmente rafforzato, inclusivo ed esteso". La proposta originaria della Commissione Europea prevedeva un raddoppio dei finanziamenti rispetto all'attuale programma, mentre il Parlamento Europeo si è impegnato a triplicare i finanziamenti. Questa posizione è stata sostenuta dalla nuova Presidentessa della Commissione, Ursula von der Leyen.

La proposta del Presidente del Consiglio, a detta di ESN e di ESU, non tiene fede a tali impegni, giacché non rispetta né la proposta del PE, né la proposta iniziale della Commissione. L'attuale budget proposto, pari a 21,2 miliardi di euro, è inferiore del 30% rispetto alla proposta iniziale della Commissione, che prevedeva un raddoppiamento e un taglio di oltre il 50% rispetto a quella del Parlamento. L'aumento proposto rende impossibile incrementare e ampliare la partecipazione senza compromettere la qualità delle esperienze di mobilità e la loro diffusione, andando così contro la promessa di "un Erasmus più inclusivo e accessibile".

La proposta iniziale della Commissione Europea consisteva nel raggiungere 12 milioni di persone, nel triplicare l'importo del programma attuale, con solo un raddoppio del budget. Il futuro programma Erasmus è più ambizioso, con una maggiore mobilità degli studenti verso destinazioni extra-UE, e sostiene le iniziative delle Università Europee per raggiungere il 50% degli obiettivi di mobilità. La proposta, attualmente in fase di negoziazione, sarà ulteriormente inferiore a questi piani; infatti, propone di raggiungere ciò con un sostegno finanziario ancora minore. Questa idea va direttamente in contrasto con lo spirito del Programma e le ambizioni degli istituti di istruzione e della società civile nel momento in cui la necessità di un Erasmus+ ampio e più inclusivo per un'Europa coesa è più grande che mai. L'istruzione rimane uno dei principali motori della mobilità sociale nel mondo e, quindi, non stanziare un budget sufficiente per il Programma chiave dell'istruzione europea non farà altro che aggravare le questioni, ancora prevalenti, della disoccupazione giovanile (attualmente al 15%) e dei rischi di povertà ed esclusione sociale dei giovani (stimati al 26,3%, ovvero 20,6 milioni di giovani, nel 2018).

La mancanza di finanziamenti all’interno dell'attuale proposta sarà inferiore agli ambiziosi impegni politici dichiarati negli anni precedenti, con la conseguente compromissione della fattibilità dello Spazio europeo dell'istruzione e delle sue iniziative chiave. Alcuni rappresentanti del Parlamento Europeo hanno già avvertito che l'attuale ammontare dei finanziamenti renderebbe impossibile il finanziamento di importanti politiche europee per l'istruzione e la gioventù come le Università Europee, i centri di eccellenza per l'istruzione e la formazione professionale e DiscoverEU. Anche l'aspetto internazionale del programma Erasmus+ proposto potrebbe essere tagliato, il che metterebbe a rischio la proposta di espansione di Erasmus+ nel mondo.

I benefici di Erasmus+ per i giovani sono diffusi e ben documentati. STando ai risultati dell’ESNsurvey 2019, gli studenti con esperienza Erasmus sono più mobili, più desiderosi di contribuire alla società attraverso il volontariato e l'impegno civico e più impegnati nei processi elettorali, comprese le Elezioni Europee. Secondo l'Eurobarometro, il 90% dei giovani in Europa considera un'esperienza all'estero "molto importante" e il 56% dei giovani ha dichiarato che il miglioramento dell'istruzione dovrebbe essere una delle priorità dell'UE. Tuttavia, permangono significativi ostacoli alla mobilità: gli Studi sull’Impatto dell’Erasmus, l'ESNsurvey 2019 e lo Studio Triennale Bologna portato avanti da ESU e Students Eyes Study mostrano in maniera consistente gli stessi risultati - circa il 70% degli intervistati ha indicato le condizioni finanziarie come il motivo principale per non andare all'estero - e uno dei modi più efficaci per aumentare il numero di mobilità di qualità è, tra l'altro, quello di aumentare i finanziamenti e quindi il numero di esperienze di mobilità ben finanziate. Gli studi hanno anche dimostrato che la partecipazione alle attività finanziate da Erasmus è direttamente collegata allo sviluppo delle competenze e alla maggiore occupabilità dopo la laurea. Il rischio di disoccupazione dopo la laurea era la metà di quello degli alumni Erasmus.

Mentre la Commissione Europea e il Parlamento Europeo hanno assunto posizioni chiare nel garantire il continuo successo e l'ampliamento del Programma Erasmus+, ora è giunto il momento che il Consiglio Europeo ne segua l'esempio. L'attuale versione della proposta del QFP è già stata respinta dal Parlamento Europeo, che ha citato tra le ragioni i tagli profondi ai settori e ai Programmi chiave, tra cui Erasmus, il cui finanziamento, secondo il Presidente del Comitato CULT, "si ferma irrimediabilmente al di sotto delle aspettative". L'Erasmus Student Network e l'Unione Europea degli Studenti chiedono al Consiglio Europeo e agli Stati Membri di non minacciare il progresso di Erasmus, impegnandosi a sostenere la proposta del Parlamento Europeo di triplicare i finanziamenti per il prossimo programma Erasmus. In questo modo, l'ESN e l'ESU sostengono la posizione del Forum Europeo della Gioventù e di altre organizzazioni della società civile su questo tema. Questa posizione è ugualmente applicabile a tutte le future proposte finanziarie del Consiglio.

I leader europei hanno sottolineato il loro impegno per il Progetto europeo e il contributo del Programma Erasmus+ alla costruzione di un'Unione più forte. Dopo 33 anni di cambiamento di vita e di apertura mentale, il Programma Erasmus si è dimostrato uno degli strumenti più efficaci per riunire gli europei. Per aumentare l'impatto e la portata del Programma, gli impegni degli Stati Membri dovrebbero essere all'altezza delle aspettative riposte nel Programma.

 

-----

 

Erasmus Student Network (ESN) è la più grande associazione studentesca d'Europa. Presente in oltre 1000 istituti di istruzione superiore, riunisce oltre 530 associazioni locali in 42 paesi. Più di 15000 volontari si occupano di oltre 350000 studenti internazionali all'insegna del motto "Studenti che aiutano gli studenti (Students helping students)”. ESN lavora per la creazione di un ambiente educativo più mobile e flessibile, sostenendo e sviluppando lo scambio di studenti di diversi livelli e fornendo un'esperienza interculturale.

 

L'Unione degli Studenti Europei (ESU) è l'organizzazione ombrello di 46 Unioni Nazionali degli Studenti (NUS) di 40 paesi. Rappresenta gli interessi educativi, sociali, economici e culturali di oltre 20 milioni di studenti nei confronti di tutti gli organi decisionali rilevanti come l'Unione Europea, il Processo di Bologna, il Consiglio d'Europa e l'UNESCO.


 

Per ulteriori informazioni e richieste vi preghiamo di contattare:

Sabina Achim (ESN) | +32 470 47 22 25 | communication@esn.org

Carlos Perez Garcia (ESU) | +43 699 81 33 65 42 | carlos.perez@esu-online.org

 

Spotlight Title: Vogliamo un Erasmus più forte affinché si rafforzi anche la futura generazione europea
Categories: ESN Italia

Referendum costituzionale 29 marzo 2020

ESN Italia - Wed, 19/02/2020 - 16:53
Lingua Italiano


Erasmus Student Network (ESN) è un'associazione studentesca senza scopo di lucro che promuove e favorisce la mobilità studentesca in ambito universitario, presente in oltre 520 università europee in 42 diversi paesi e conta oltre 200.000 studenti membri. 

Erasmus Student Network Italia, che ha tra i suoi scopi principali quello della promozione della cittadinanza attiva, ricorda a tutti i cittadini italiani temporaneamente residenti all’estero che anche loro potranno esercitare il diritto di voto nel Referendum Costituzionale del 29 marzo 2020, in vista del Referendum costituzionale,  anche loro potranno esercitare il diritto di voto.  

Il Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali del Ministero dell’Interno italiano indica le modalità: l'opzione di voto per corrispondenza degli elettori temporaneamente all'estero dovrà pervenire direttamente al comune d'iscrizione nelle liste elettorali entro il 26 febbraio, in tempo utile per l'immediata comunicazione al Ministero dell'interno. La dichiarazione di opzione dovrà giungere al comune per posta, telefax, posta elettronica anche non certificata, oppure potrà essere recapitata a mano anche da persona diversa dall'interessato. Inoltre, essa dovrà essere redatta su carta libera e corredata di copia di un documento d'identità valido dell'elettore, contenente l'indirizzo postale estero cui va inviato il plico elettorale ed una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti di cui al comma 1 del citato art. 4-bis, resa ai sensi degli articoli 46 e 47 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445.  

Sul sito del Ministero, alla relativa pagina, è possibile consultare e scaricare l'apposito modello di opzione, che può essere utilizzato dagli elettori temporaneamente residenti all'estero che intendono esprimere il voto per corrispondenza. 

Il coinvolgimento di ESN Italia su temi come la cittadinanza attiva continua ininterrottamente dal 2014, quando, per la prima volta, si schierò per richiamare l'attenzione delle istituzioni e dell'opinione pubblica sulla "Generazione Erasmus" e il problema legato all'oggettiva difficoltà di molti studenti italiani impegnati in un progetto di mobilità internazionale di potersi recare presso il proprio seggio elettorale. La campagna #GenerazioneSenzaVoto prese vita giovedí 13 novembre 2014 presso la Camera dei Deputati, con la conferenza "Dall’Europa agli europei. Verso una cittadinanza attiva", nel corso della quale venne ufficialmente dato inizio alla raccolta di 50.000 firme alla presenza di relatori illustri. Due anni dopo, il 17 Aprile 2016, al Referendum sulle Trivelle, la #GenerazioneErasmus vinse la sfida, dando così, ufficialmente, la possibilità di esercitare il proprio diritto di voto a tutti gli studenti in mobilità  seppur domiciliati in un Paese estero. 

Nel 2019, invece, venne annunciata ufficialmente la collaborazione tra Erasmus Student Network Italia e l’ufficio del Parlamento Europeo in Italia a sostegno della campagna StavoltaVoto.eu nel nostro paese. La campagna consisteva in attività di promozione del voto sia degli studenti stranieri in Italia che degli italiani all’estero, tramite l’utilizzo di diverse forme di comunicazione, che si sono tradotte in promozione sui canali social e campagne offline e nella produzione di un video nel quale i protagonisti erano proprio  gli studenti Erasmus. 

 

CONTATTI:

Ufficio stampa ESN Italy: 

Alessandra Palmulli 

Web and Communication Manager ESN Italy

comunicazione@esn.it

 

Attachment Files:  cs_-_referendum_costituzionale_29_marzo_2020.docx.pdfSpotlight Title: Referendum costituzionale 29 marzo 2020
Categories: ESN Italia

La Brexit non ricada sulle opportunità per i giovani e la visione della Generazione Erasmus

ESN Italia - Thu, 09/01/2020 - 23:34
Language Italian


“La decisione presa ieri dalla Camera dei Comuni inglese, per quanto prevedibile nelle ultime settimane e senza alcuna conseguenza pratica immediata, è un brutto segnale non solo per i giovani britannici ma per tutti quelli europei, per il quale il programma Erasmus rappresenta una delle più significative opportunità di crescita personale e di formazione.” dichiara a caldo Vittorio Gattari, Presidente di Erasmus Student Network Italia, la principale organizzazione internazionale che si occupa di mobilità studentesca.

“Il paradosso che rende ancora più ingiusto tutto ciò è che, come noto, i giovani britannici nel 2016 votarono largamente contro la Brexit e a favore della permanenza nell’Unione Europea e sono quindi vittime incolpevoli di quella scelta.” Non è retorico quindi, secondo il Presidente Gattari, parlare di “vero e proprio scontro generazionale”.

Il voto di ieri non comporta l’immediata uscita del Regno Unito dal programma Erasmus+, ma il segnale politico, in vista dei negoziati con l’Unione Europea, è sicuramente in controtendenza rispetto alla visione di una Generazione Erasmus in grado di diventare “Gioventù Europea”.
I ragazzi tuttavia non smettono di guardare avanti. “Come Erasmus Student Network Italia — conclude Gattari — chiediamo con forza che il Regno Unito continui a far parte del programma, anche eventualmente sotto forme diverse che sono già previste per altri paesi, membri e non-membri dell’UE. Bisogna fare tutto il necessario per non privare migliaia di giovani di un diritto, quello all’esperienza Erasmus, che permette di studiare, lavorare e formarsi in un ambiente internazionale, comunitario, aperto, e che tutti i dati dimostrano essere straordinariamente positivo in termini di sviluppo di competenze trasversali e opportunità di trovare lavoro”. 

Spotlight Title: “La Brexit non ricada sulle opportunità per i giovani e la visione della Generazione Erasmus”
Categories: ESN Italia

ESN organises Social Inclusion Days

ESN Italia - Wed, 20/11/2019 - 12:17
Language English


Erasmus Student Network (ESN) is organising the Social Inclusion Days initiative during which more than 500 local associations in 41 countries will advocate for inclusive mobility programmes and will organise activities to bring together international students and local communities through volunteering.

The two-week initiative, running from the 20th of November until the 4th of December 2019, will also provide opportunities for international students to expand their knowledge of their host countries’ cultures. While experiencing their Erasmus+ exchange, young people will take part in impactful activities focusing on social inclusion, from visits to local schools and nursing homes to awareness events. ESN volunteers will use their knowledge to inspire social change and unite people from all different backgrounds and ages. 

Last year, 19,100 international students engaged with more than 40,800 members of their local communities with the help of 2,400 ESN volunteers!

“With the Social Inclusion Days imitative we aim to mobilise thousands of international students across Europe to have an active role in their host community. During these two weeks, our network across 41 countries will join forces with universities and other civil society organisations to develop volunteering activities which will give the opportunity to international students to interact with their local communities meaningfully. ESN believes that the study abroad experience should be complemented with non–formal components in order to promote civic engagement and global citizenship, two important elements to tackle everyday societal challenges.” - Kostis Giannidis, President of the Erasmus Student Network

Erasmus Student Network (ESN) is the biggest student association in Europe. Present at over 1000 Higher Education Institutions, it unites over 500 local associations in 41 countries. More than 15,000 volunteers take care of international colleagues under the motto “Students helping students”. ESN works for the creation of a more mobile and flexible education environment by supporting and developing the student exchange from different levels and providing an intercultural experience.

Spotlight Title: ESN organises Social Inclusion Days
Categories: ESN Italia

ESN organizza i Social Inclusion Days

ESN Italia - Wed, 20/11/2019 - 12:13
Language Italian


 

 

Erasmus Student Network (ESN) sta organizzando i Social Inclusion Days, durante i quali più di 500 sezioni locali in 41 Paesi promuoveranno programmi di mobilità più inclusivi e organizzeranno attività per avvicinare gli studenti internazionali alle comunità locali attraverso il volontariato. 

L'iniziativa dura due settimane, dal 20 novembre al 4 dicembre 2019 e rappresenterà, inoltre, un'opportunità per gli studenti internazionali di arricchire la propria conoscenza delle culture dei Paesi ospitanti. Durante il loro scambio Erasmus+, i giovani prenderanno parte ad attività ad alto impatto, incentrate sull'inclusione sociale: da visite all'interno di scuole o case di cura a eventi di sensibilizzazione. I volontari di ESN utilizzeranno le proprie conoscenze per ispirare una trasformazione della società e unire persone di diverse estrazioni e fasce d'età.

Lo scorso anno, 19.100 studenti internazionali sono entrati in contatto con più di 40.800 membri delle loro comunità locali, grazie all'aiuto di 2.400 volontari di ESN.

 

"Lo scopo dell'iniziativa Social Inclusion Days è far impegnare migliaia di studenti internazionali in tutta Europa ad avere un ruolo attivo nel loro Paese ospitante. In queste due settimane, il nostro network, in 41 paesi, si unirà alle università e ad altre organizzazioni della società civile per stabilire attività di volontariato che daranno agli studenti internazionali l'opportunità di interagire significativamente con le comunità locali. ESN crede che l'esperienza di studio all'estero dovrebbe essere completata con componenti non-formali, al fine di promuovere l'impegno civico e la cittadinanza globale, due elementi importanti per affrontare ogni giorno le sfide della società." - Kostis Giannidis, Presidente di Erasmus Student Network.

 

Erasmus Student Network (ESN) è l'associazione studentesca più grande in Europa. Presente in oltre 1000 Università, unisce più di 500 associazioni locali in 41 Paesi. Più di 15.000 volontari si prendono cura dei colleghi internazionali sotto il motto di "Students helping students". ESN lavora per la creazione di un ambiente educativo più mobile e flessibile supportando e sviluppando scambi studenteschi su diversi livelli e provvedendo a un'esperienza interculturale.

Spotlight Title: ESN organizza i Social Inclusion Days
Categories: ESN Italia